domenica 18 ottobre 2009

IL PECCATO

Un bicchier di lacrime
e' avanzato di giorni distanti,
ricordi taglienti feriscono
spasima il corpo sensuale
al tuo respiro
polvere nelle mani
sono carezze
che sciolgono il nodo dell'angoscia,
copro nudita' che nel buio trema
della tua indifferenza.
Hai visto il sangue trasfigurato
del rimpiato che e' nuvola,
mentre il silenzio cerca voce spreco emozioni
e non verranno doglie a regalare vita
parole che non t'aspetti,
cosi vuote da sembrare pulite
rendono perdono alla terra

Copyright©2009 ElisaCordovani-inedita

4 commenti:

  1. bella poesia,complimenti,se vuoi vieni a farmi visita,ciao ,buona giornata.

    RispondiElimina
  2. ...e non verranno doglie a regalare vita
    parole che non t'aspetti,
    vuote da sembrare pulite,
    rendono perdono alla terra."
    Questi versi finali denotano una rara abilità nell'uso delle parole a scopi di pura e alta poesia. Scusa la monotonia, ma sei davvero una poetessa di straordinario talento, a mio avviso un talento così enorme di cui però non sei ancora consapevole. Sei semplicemente un genio della poesia!

    RispondiElimina
  3. Elisa Cordovani21 ottobre 2009 05:50

    Ciao Achab sono stata a farti visita,ma son stata frettolosa e cerchero' di rimediare il prima possibile!

    RispondiElimina
  4. Elisa Cordovani21 ottobre 2009 05:51

    Caro Domenico che amico che sei! grazie dei consigli e dell'incoraggiamento!

    RispondiElimina